USAF 64-0624

  Photograph by Paul Thallon

Photograph by Paul Thallon

On July 12, 1984, at 2:45 pm, 72-tons USAF aircraft Lockheed C-141B Starlifter (registration code 64-0624) crashed about 3 minutes after takeoff from the Sigonella Naval Air Field near the town of Lentini, in Sicily. All 9 members of the crew died in the crash, poisoned by cyanide fumes from a fire that developed on board prior to the impact. Some speculated that the aircraft may have transported toxic or radioactive material. This suspicion was enforced by a marked increase of the incidence of leukemia observed in later years in the area.  However, the nature of the content of the aircraft remains a mystery; the whole area was cordoned off for weeks after the accident by US Air Force personnel, and the details about the event were secreted.                                The plants featured in this project were sampled and scanned with a flatbed scanner on the field where the aircraft crashed, in contrada San Demetrio, near the town of Lentini. The scientific name of the plant and the GPS coordinates of the sampling site are part of each picture. 

Professor Pietro Pavone (Department of Botany, University of Catania) has generously collaborated in identifying the plants.

Inkjet prints on Hahnemühle Photo Rag paper; size 11.4 x 8.3 inches

  Aerial photograph by Gianni Lannes

Aerial photograph by Gianni Lannes

Il 12 luglio 1984 alle 14:45 il quadrimotore strategico Lockheed C-141B Starlifter (codice identificativo: USAF 64-0624) si schiantava circa tre minuti dopo il decollo dall’aeroporto militare di Sigonella in Sicilia nei pressi della cittadina di Lentini (SR). L’autopsia dei 9 membri dell’equipaggio deceduti nell’impattomostrava tracce di avvelenamento da vapori di cianuro, originati da un incendio sviluppatosi a bordo poco prima dello schianto. Fonti ufficiose avanzavano l’ipotesi che il velivolo trasportasse materiale tossico e radioattivo: un sospetto avvalorato dal marcato aumento di incidenza di leucemie osservato dalle autorità sanitarie locali nell’area di Lentini negli anni successivi al disastro.  La natura del carico è tuttavia rimasta un mistero, secretata dalle autorità militari USA che isolarono l’area del disastro per alcune settimane dopo l’incidente.
Queste piante sono state raccolte e scannerizzate con uno scanner piano nel punto di impatto del velivolo in contrada San Demetrio, nei pressi di Lentini. Ogni immagine riporta il nome scientifico della pianta e le coordinate GPS del punto esatto di raccolta.
La generosa collaborazione del Prof. Pietro Pavone, Ordinario di Botanica sistematica dell'Università di Catania, ha consentito l’identificazione degli esemplari raccolti.

Stampe inkjet su carta Hahnemühle Photo Rag; dimensione 40x30 cm